Oggi, 14 settembre 2020, la campanella è tornata a suonare

Sono trascorsi 205 giorni dal 21 febbraio 2020, giorno in cui la campanella ha risuonato per l’ultima volta nei corridoi e nelle aule del nostro Istituto Comprensivo. Da quel giorno molte cose sono cambiate: le nostre abitudini, le relazioni, i gesti, la nostra quotidianità e anche il nostro aspetto esteriore poiché, per proteggere la nostra salute, dobbiamo indossare la mascherina.

Oggi, 14 settembre 2020, la campanella è tornata a scandire, all’interno delle mura dell’Istituto per alunni, docenti e personale ATA, la quotidianità della realtà scolastica. I tre plessi hanno riaperto le porte d’ingresso ed hanno accolto con emozione e affetto tutti i nostri ragazzi.

Il plesso di Via Dolci è stato ed è interessato da lavori di ristrutturazione tutt’ora in corso che hanno fortemente condizionato le attività di pulizia e sanificazione dei locali e ci hanno obbligato ad una “maratona” durata tutto il week end e ad una lotta contro il tempo che però abbiamo vinto.

Voglio ringraziare tutti i colleghi collaboratori scolastici  Bruno C., Cinzia G., Francesco P., Franco L., Imma S., Lorena F., Nando P., Paola F., Stefania N., Tommaso C., Valentina S., Valentina L. (gradita new entry!) Vincenzo C. (l’elenco è in ordine alfabetico) che hanno accolto con slancio e generosità l’invito a lavorare anche durante il fine settimana con grande senso di responsabilità, noncuranti della fatica e del tempo sottratto ai loro ambiti familiari, pur di garantire la riapertura del plesso. A loro il mio apprezzamento e spero quello di tutta la comunità scolastica.

Ringrazio altresì i colleghi assistenti amministrativi Marco Z., Mirella R., Nello G., Pina S. e Rosa C. che sono stati anch’essi presenti nelle giornate di sabato e domenica supportandomi con la professionalità e la disponibilità di sempre.

A tutti un buon inizio d’anno che, pur tra mille difficoltà, riparte con la consapevolezza che insieme possiamo e faremo grandi cose.

  IL DIRETTORE S.G.A.

Cinzia Almoria

I commenti sono chiusi.