Cronaca di una lezione alla LIM

Le maestre Marvi e Simonetta hanno deciso di raccontare in prima persona le esperienze vissute in classe con gli alunni quando si utilizza la lim.

L’apprendimento da processo trasmissivo a sociale grazie anche agli strumenti tecnologici ha reso possibile una trasformazione nella comunicazione: da una scuola tutta sulla carta ad una che usa anche il digitale per poter memorizzare, riutilizzare, scambiare, trasformare; dall’espressione scritta a quella multimediale; da un modo di rappresentare le conoscenze sequenziale ad uno reticolare.

La parola agli alunni:

Gli alunni della 3°D della scuola di via Dolci,  spiegano come funziona la lim e mostrano i loro prodotti.

Wilfri: La LIM non è solo una tecnologia di proiezione. I contenuti e i software visualizzati sulla lavagna digitale “funzionano” esattamente come sul computer ad essa collegato: le icone dei programmi presenti sul pc possono essere cliccate, i file selezionati e trascinati, aperti, modificati, collegati, salvati e cancellati.

Giulia: il nostro primo incontro con la lim è stato conoscere le vocali in modo divertente attraverso questo strumento: ALINA, EMELONA, ILA, OROCOLATO E UNO.

Giada: Io mi ricordo di un gioco molto divertente che ci faceva memorizzare l’alfabeto in modo divertente: la scuola degli gnomi.

Emanuele: Lo scorso anno sono venute a scuola alcune mamme che ci hanno raccontato delle storie e noi abbbiamo costruito un moviebook.

Giorgio:Da quest’anno stiamo usando il computer con la MELA, che ci sembra più facile e divertente. Stiamo utilizzando un software che si chiama ebook author che ci permette di costruire i nostri libri digitali. Stiamo scrivendo un libro di grammatica e il nostro vocabolario.

Gloria:Che dire tutto è più facile con la lim. Noi abbiamo un blog, se volete visitarlo l’indirizzo è www.ascuolaconmarvi.it.

Davide: Se volete essere avvisati delle cose che noi pubblichiamo sul nostro blog andate sul feed, sarete avvisati…..

I commenti sono chiusi.